Nuovo algoritmo Facebook: cosa cambia per le pagine

,
Nuovo Algoritmo Facebook

Il nuovo algoritmo di Facebook privilegerà i post di amici e parenti, penalizzando quelli di aziende e media.

Dopo la guerra contro l’engagement baiting iniziata da Facebook sul finire del 2017 ecco che il 12 Gennaio 2018 Mark Zuckerberg ha annunciato un algoritmo nuovo di zecca: più spazio ai post di amici, parenti e gruppi rispetto a quelli pubblicati dalle pagine. Il perché è lo stesso CEO della piattaforma a spiegarlo in un lungo post pubblicato sul suo profilo.

La nuova mission di Facebook appare chiara già dalle prime righe: “One of our big focus areas for 2018 is making sure the time we all spend on Facebook is time well spent.” Dopo il post arriva anche la conferma ufficiale: nel newsfeed di ognuno di ognuno di noi sarà data priorità ai post che generano conversazioni e interazioni tra persona e persona.

Cosa cambia per le pagine con il nuovo algoritmo Facebook? 

Con il nuovo algoritmo Facebook ci sarà un calo della reach, quindi le pagine subiranno una diminuzione del traffico e anche del tempo di visualizzazione dei video; l’impatto di questo update non sarà ovviamente uguale per tutti: se la tua pagina raccoglie già poche interazioni sicuramente soffrirai maggiormente di questo aggiornamento.

Tieni presente però che alcuni contenuti avranno ugualmente una posizione prioritaria in termini di visibilità:

  • Video Live
  • Contenuti che generano conversazioni e interazioni all’interno dei Gruppi
  • Eventi
  • Post di aziende, marchi e attività locali

Cosa fare adesso?

Prima cosa: non spaventarti! Facebook, anche con il nuovo algoritmo, rimane un eccezionale strumento di business. Prima di darti dei suggerimenti strategici però una premessa è d’obbligo: è necessario preventivare un budget media. Ottenere dei risultati su questo social senza un investimento pubblicitario (anche prima del cambio di algoritmo) è utopico.

Questo però non basta: è fondamentale condividere contenuti pertinenti e rilevanti per la tua target audience, come ad esempio le dirette Facebook, volte a creare engagement intorno ad un momento particolare per il tuo brand. Non solo: sfrutta tutte le tab che hai a disposizione. Hai deciso di organizzare un evento? Fallo sapere alla tua fanbase utilizzando lo strumento dedicato!

Dopo il cambio di algoritmo, ti consiglio inoltre di valutare se i tuoi contenuti sono o meno rilevanti per i tuoi fan. Creano una conversazione oppure nessun utente interagisce? Il sentiment è positivo? Analizza la tua pagina e rispondi a queste domande. Nel caso ti accorgessi che i tuoi contenuti non generano engagement o ancor peggio che è negativo, ti suggerisco di cambiare immediatamente rotta: allineati con i nuovi obiettivi di Facebook, riformula subito il tuo piano editoriale e rivedi la tua strategia.

L’importanza dei gruppi

In quest’ottica l’importanza dei gruppi a supporto del proprio brand è fondamentale. I gruppi Facebook infatti generano interazioni tra persona e persona, l’autenticità dei rapporti è indiscutibile. Valutare la creazione di un gruppo a questo punto diventa imprescindibile per la tua strategia Facebook, non solo perché attraverso questo strumento puoi creare una comunity ancor più ampia e unita, ma anche per dare la possibilità ai tuoi contenuti di essere visualizzati organicamente.

Vuoi scoprire la migliore strategia Facebook per la tua azienda?

CONTATTACI