4 segnali che i tuoi competitor stanno lavorando meglio di te online

,

Stai navigando su Google e vedi comparire i tuoi competitor sulla prima pagina quando cerchi la parola chiave che meglio identifica il tuo business. Clicchi sui risultati di ricerca, guardi un po’ i loro siti e sì, vendono le stesse cose che vendi tu.

Il fatto di non aver trovato tra i risultati anche il tuo sito ti irrita, e decidi di passare un quarto d’ora su Facebook per distrarti, magari per fare gli auguri a quel tuo amico che non vedi da tanto, ma a cui tieni far sapere che non ti sei dimenticato di lui, ma vieni subito aggredito dalla pubblicità di quegli stessi competitor di poco fa.

Ancora loro, e ancora una volta nessun indizio che anche la tua azienda abbia la benché minima visibilità.
Misteri del web? Coincidenze? Io non credo.

Ecco qui 4 semplici spunti per capire se quei competitor stanno davvero facendo meglio di te quanto a marketing online.

La loro posizione su Google
Non servono costose analisi di mercato per capire come il tuo sito è messo in relazione a quello dei tuoi competitor. Basta andare sul motore di ricerca più usato del mondo, Google, e ricercare una parola chiave che descrive il tuo prodotto/servizio. Meglio se ti sforzi di usare i termini che userebbero i tuoi clienti.
Cosa vedi in prima pagina? Non ci sei?

Per questo c’è una sola soluzione, trovare un’agenzia SEO che prenda in esame il tuo sito e faccia in modo che sia google-friendly, ovvero che risponda ai requisiti necessari per posizionarsi al meglio. Un seo specialist sarà inoltre in grado di dirti se il tuo sito sta subendo una penalizzazione da parte del motore di ricerca

Il loro sito è più bello
Non solo più bello (sappiamo tutti che la bellezza sta nell’occhio di chi guarda) ma funzionale: questo deve essere il requisito che guida la costruzione di un sito web.
I contenuti sono ricchi di informazioni e corredati di immagini? Sono facili da navigare? Hai commesso l’errore di pretendere che il sito rispecchiasse il tuo modo di ragionare invece che quello degli utenti? Hanno uno schema di colori più armonico di quello che hai usato tu (eh sì, il colore di un semplice bottone può fare la differenza)?

Per finire, prima di ogni altra cosa, controlla bene i siti sul tuo smartphone: se si visualizzano bene e sono veloci (leggi qui un approfondimento), anche il posizionamento sul motore di ricerca ne trae beneficio, e l’esperienza dell’utente sarà più gratificante, incentivandolo a compiere le azioni sperate: iscrizione, compilazione modulo contatti, registrazione alla newsletter, acquisto.

Sui loro siti ti viene voglia di iscriverti/contattare/acquistare
Può sembrare banale, ma controlla bene i contenuti del tuo sito. Il focus è sui vantaggi che l’utente riceve acquistando i tuoi prodotti/servizi? Sei sicuro di aver cancellato ogni traccia di autoreferenzialità?

Bene. Una volta accertato questo, concentriamoci sulle Call To Action, l’invito all’azione. Devi spingere i visitatori a compiere più azioni, non limitarti a una banale “Contattaci” o “Chiedi preventivo”.

Per dei suggerimenti, visita questo post

Dagli qualcosa in cambio dei loro dati, una guida in pdf scaricabile spesso aumenta di oltre il 100% il numero delle compilazioni di un modulo.

Gestiscono meglio i social media
Eravamo partiti immaginando che ti prendessi un quarto d’ora di pausa consultando Facebook e finissi per vedere gli annunci sponsorizzati del tuo concorrente diretto. Se hai appena visitato il suo sito, probabilmente si tratta di remarketing, cioè di una funzione pubblicitaria che permette di riconoscere il browser del visitatore e gli propone degli annunci illustrati – banner – inerenti al sito già visitato.

Questa è un’opzione molto usata, ma non è esattamente quella che ci interessa. Vai a vedere la pagina Facebook delle aziende concorrenti. Postano più di te, hanno più fans? Ma soprattutto, gli utenti interagiscono con i loro “Mi piace” o con molti commenti? Ricevono risposte veloci ed esaustive? Al giorno d’oggi, lo avrai già sentito dire, una presenza puntuale e di successo su Facebook – e sui social network in generale – è imprescindibile.

Che si tratti di trasformare il canale social in una sorta di servizio clienti o di sfruttare la contingenza con il real time marketing (a questo proposito, leggi qui), è arrivato il momento di colmare il gap con i tuoi rivali in affari.

Affidati a noi per una consulenza strategica ad alto rendimento. Contattaci!