I 7 vantaggi di Google Tag Manager: perché utilizzarlo?

,

Sai cos’è il Tag Manager?

Google Tag Manager (GTM) è lo strumento gratuito messo a disposizione da Google per semplificare l’analisi di un sito o di una App. Non è altro che un contenitore inserito nel codice del sito o della App e che ti consente, da remoto, di inserire i Tag, cioè delle porzioni di codice, che ti permettono di monitorare le performance del sito o della App.

In altre parole?

Google Tag Manager è un sistema di Gestione dei Tag che ti consente di iniettare porzioni di codice che verranno attivati ogni volta che si presentano le condizioni che abbiamo impostato.

Immagino che anche questo ti chiarisca poco le idee. Aggiungo qualche elemento in più.

Se ti occupi di Web Analytics o di Web Advertising ti sarà capitato di dover installare Google Analytics su un sito, di tracciare le conversioni e di fare tutte quelle attività correlate.

Prima di Google Tag Manager, avresti dovuto chiedere gli accessi ftp al sito, installare da codice GoogleAnalytics e settare gli obiettivi impostando anche via Javascript gli eventi oppure, nel caso in cui si fosse trattato di un CMS chiedere gli accessi di amministratore del sito, installare e configurare un plugin.
E comunque monitorare certi eventi sarebbe stato impegnativo: prova solo ad immaginare il clic sul pulsante per effettuare una chiamata telefonica o il click per far partire o fermare un video.
Da quando esiste Google Tag Manager, invece, è sufficiente installare il Tag Manager e potrai iniettare e controllare attraverso lui, tutti gli altri snippet.

La teoria sembra facile, ma la pratica? Aspetta, ora ti spiego quali sono i reali vantaggi di usare questo strumento.

  1. Riduce il tempo di caricamento del sito. In realtà non è il primo vantaggio da sbandierare ai quattro venti, ma volevo riallacciarmi ad un articolo pubblicato qualche settimana fa  sul nostro blog. Abbiamo parlato di quanto un sito deve essere veloce e credo sia importante lavorare sulla velocità del caricamento delle pagine web.

In che modo Tag Manager aumenterebbe le performance del sito?

Immagina che le tue pagine debbano caricare: il codice Analytics, il pixel del Facebook Remarketing e magari vuoi monitorare il comportamento dei visitatori e installi anche Hotjar. Tutti questi servizi esterni fanno delle chiamate esterne, dovendo comunicare con un sito esterno al tuo. Questo processo non fa altro che creare delle micro pause quando il documento html è caricato da browser.
Invece, usando il Tag Manager il servizio esterno richiamato dal tuo sito internet sarà solo quello (per giunta asincrono), riducendo i tempi di attesa.

2. Può ridurre il bounce rate. Immagina di avere una landing page o di One page site. La frequenza di rimbalzo sarà per forza di cose molto alta, perchè i visitatori entrano nella tua pagina, leggono, scollano, cliccano sul video, magari convertono e basta. Non possono navigare perchè hai una sola pagina. Però, comunque, hanno interagito con essa. Quindi non si può dire che non erano interessati alla tua presentazione e/o prodotto. Con GTM viene è più semplice monitorare certi eventi o anche il tempo di permanenza sulla pagina.

3. Hai un unico luogo dove poter modificare i Tag. Invece di andare in giro nelle pagine web di chissà quali e quanti siti ad installare script da codice, finalmente abbiamo una unica Dashboard da cui possiamo accedere a più installazioni. Pratico, no.

4. Sicurezza. Poniamo il caso che uno dei codici installati sul sito (senza GTM Google Tag Manager,), qualche anno prima, venga hackerato. Questo Questi lascerebbe una grande porta aperta, non solo al codice del sito, ma anche al data base e ai dati in esso inseriti. Tramite Google Tag Manager, invece, si può usufruire gratuitamente del più grande anti spam controller del mondo. Ti pare poco!

Ma se non sei ancora soddisfatto di tutti questi vantaggi nell’istallare Google Tag Manager, leggi oltre!

5. Accessibilità. Come tutti i servizi messi a disposizione da Google, si possono settare diversi livelli di accesso e di permessi per consentire ad altri utenti per la gestione e/o visualizzazione dei Tag.

6. Versioning. Ogni volta che pubblichi dei Tag il sistema crea una versione nuova da cui si può retrocedere in qualsiasi momento.

7. Anteprima. Con la versione anteprima si può testare direttamente sul sito se certi tag vengono attivati nel momento giusto e con l’azione giusta.

Questi sono i molteplici vantaggi derivanti dall’uso di Google Tag Manager che in agenzia ben conosciamo perché siamo certificati Google Premier Partner e lo usiamo quotidianamente per i nostri clienti.

E tu hai hai fatto un’analisi completa del tuo sito web? Ti aiutiamo noi

CONTATTACI