Categorie: Digital Strategy

Chatbot: come risponde il mercato?

I chatbot, l’intelligenza artificiale, gli assistenti vocali. Queste tecnologie ormai sono parte fondamentale della strategia di digital marketing delle aziende più innovative ed è proprio questa la tendenza che sta prendendo l’assistenza ai clienti. Che lo si voglia o no, questi tipi di servizi sono consolidati e in particolare il chatbot è molto diffuso per la sua semplicità di creazione e di utilizzo.

Decidere di non installarne uno nel proprio sito o nella propria pagina Facebook, significa perdere l’occasione di avere un vantaggio competitivo rispetto alle aziende che giocano ruoli da protagonisti all’interno delle realtà virtuali.

Non ci credi? Diamo un’occhiata a un po’ di numeri e scopriamo perché il chatbot è una tecnologia fondamentale che può aiutarti a raggiungere gli obiettivi della tua strategia digitale.

Quanto stanno crescendo i chatbot?

Secondo la rivista Forbes, tra i primi dieci posti nella classifica dei trend di marketing digitale c’è anche il chatbot, che si piazza all’ottava posizione(1). Si prevede infatti, che entro il 2020 oltre 9 aziende su 10 avranno installato un chatbot per agevolare i loro servizi(2), con un aumento previsto anche nel settore pubblico a livello mondiale del 42%(3).

Come si traduce nel mercato economico?

Sono molti i motivi del successo dei chatbot, uno tra questi è il fattore economico. Attivare un chatbot, infatti, riduce i costi di assistenza proprio perché ha la funzione di “filtraggio” delle richieste ed è in grado di gestire i quesiti basilari degli utenti. In questo modo, permette agli addetti ai lavori di dedicarsi con più attenzione alle richieste più complicate.

Secondo una stima effettuata da Juniper Research, entro il 2020 l’utilizzo dei chatbot favorirà una riduzione dei costi di assistenza e marketing di circa 8 miliardi di dollari(2), con un mercato globale in crescita fino a 1,25 miliardi di dollari entro il 2025(3).

Chi prima arriva meglio genera

Un altro aspetto che favorisce l’utilizzo e il successo dei chatbot è la rapidità nelle risposte che possono dare agli utenti. A differenza di una persona, il chatbot è disponibile 24/7 e sebbene non possa assicurare la stessa assistenza dettagliata, può garantire la gestione delle domande più frequenti, la vendita di prodotti e anche la lead generation.

È ormai noto che la percentuale di lead acquisiti cala drasticamente dopo 10 minuti di attesa da una richiesta. Un tempo che, umanamente, è difficile assicurare.

Grazie alla presenza costante del chatbot, è possibile limitare questa mancata acquisizione, fornendo le prime informazioni utili e la richiesta di contatti. La possibilità di rispondere agli utenti in qualsiasi momento e in pochi secondi aiuta a trasmettere l’immagine positiva di un’azienda, attenta e disponibile per i propri clienti.

(2)

Cosa pensano gli utenti?

Nel 2019 le persone sono abituate a servizi tempestivi, immediati. Servizi Come Amazon, Google o Netflix, hanno permesso ai loro utenti di ricevere risposte e servizi in tempi prima inimmaginabili. E se la velocità è il trend dei servizi a cui ci stiamo abituando, il chatbot non può che portare a risultati positivi:

  • Il 58% dei consumatori dichiara che le nuove tecnologie come chatbot e assistenti vocali hanno cambiato le aspettative verso un brand.
  • Il 54% dei consumatori si aspetta un cambiamento nel modo in cui i brand interagiscono con i clienti.
  • Il 77% dei consumatori dichiara che i chatbot miglioreranno le proprie aspettative nei prossimi 5 anni.(4)

I consumatori stanno quindi cambiando, al passo con le tecnologie che le aziende sono in grado di offrire loro.

E infatti i chatbot si stanno rivelando molto utili anche nel settore dell’e-commerce, perché in grado di accompagnare l’utente all’acquisto seguendo indicazioni personalizzate e guidando la scelta finale. Un percorso facile e veloce a cui le persone si stanno affezionando sempre di più. Infatti, secondo una ricerca di HubSpot, il 47% delle persone è disposto a comprare un articolo o un servizio tramite chatbot.

Vuoi definire la tua digital strategy con un chatbot unico e personalizzato per la tua azienda?

CONTATTACI

 

(1)webnews.it

(2)dmep.it

(3)corrierecomunicazioni.it

(4)salesforce.com

Sofia Sasso

Share
Pubblicato da
Sofia Sasso

Recent Posts

  • Blog
  • Digital Strategy

Voice Search: cos’è e come funziona

La voice search e gli assistenti vocali stanno diventando un argomento mainstream. Ma cos'è la voice search e quali accorgimenti…

5 mesi fa
  • Blog
  • Digital Strategy

Employee Advocacy: da lavoratore ad ambasciatore per far crescere l’azienda

Quali sono i vantaggi di una strategia di coinvolgimento dei lavoratori nel racconto dell'azienda per la crescita dell'awereness? Diversi. Le…

7 mesi fa
  • Blog
  • CONVERSION RATE

Vendor o Seller: come vendere su Amazon?

Vendor o Seller? Come approcciare alla vendita su Amazon? Quali sono i nuovi modi per promuovere il brand sul più…

7 mesi fa
  • Digital Strategy

Dare carattere al Chatbot è una strategia vincente

Per una strategia vincente è molto importante dare carattere al chatbot, l'assistente virtuale, infatti, deve parlare il linguaggio del brand…

7 mesi fa
  • Digital Strategy

BrightonSEO 2019 – Search Engine Optimism

BrightonSEO è uno dei maggiori eventi in Europa dedicati al Digital Marketing, con focus sull'ottimizzazione per i motori di ricerca.…

11 mesi fa
  • Digital Strategy

Voice Technology: una grande opportunità per i brand

Durante il WMF 2019 si è parlato di Voice Technology come nuovo touchpoint ed opportunità per i brand. Cos'è la…

12 mesi fa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.