Le 10 caratteristiche dei banner pubblicitari più efficaci

Dicembre 19, 2014
Pubblicato da: 
ADV Specialist

Banner pubblicitari più efficaci: ecco cosa devono e non devono avere per raggiungere buoni risultati.

Alcune ricerche sostengono che un banner, per imprimersi nella memoria di un utente, debba essere visualizzato per almeno un secondo e mezzo. Ma per conquistare il fatidico «click» che determina il suo grado di efficacia, un banner deve rispettare anche delle caratteristiche tecniche precise.

> Scopri quali sono le 5 pubblicità più cliccate del Natale 2014

Ecco quali sono le caratteristiche tecniche che devono e non devono avere i banner per essere efficaci e portare più risultati possibili a un sito web o a una landing page:

COSA DEVONO AVERE

1. Le foto «strambe»
Le foto che attirano di più lo sguardo – purtroppo o per fortuna, dipende dalle prospettive – sono quelle che ritraggono dei volti con delle espressioni buffe e particolarmente marcate.

2. Le immagini a destra e il testo a sinistra
Noi occidentali siamo abituati a leggere da destra a sinistra. I pesi, dunque, vanno distribuiti seguendo questa regola: a destra l’immagine che attira l’attenzione e anticipa il contenuto e a sinistra il testo che descrive il dettaglio e porta all’azione.

3. Call to action motivanti
Le call to action che spingono le persone a cliccare sono soprattutto quelle che promettono qualcosa (a patto che poi la mantengano) e che anticipano un vantaggio per l’utente. Ad esempio: «per richiedere un preventivo gratuito clicca qui; scarica il nostro catalogo; ottieni subito un appuntamento».

4. I bordi arrotondati
Incredibile, ma vero: i bordi arrotondati, anche se graficamente parlando sono preistorici, attirano l’attenzione. Qualcuno giustifica questa tendenza tirando in ballo il fatto che gli angoli appuntiti, proprio perché nella realtà sono «pericolosi», attivano nella mente una sorta di automatismo di difesa che spinge le persone ad evitarli.

5. L’equilibrio tra testo e immagine
I banner che mantengono l’attenzione degli utenti per più tempo sono proprio quelli che contengono dei contenuti testuali. Ma attenzione: il testo non deve essere troppo, altrimenti provoca l’effetto contrario!

COSA NON DEVONO AVERE

6. Gli errori ortografici
Se su quattro parole una di queste è sbagliata, non aspettarti grandi risultati dai tuoi banner: nessun potenziale interessato all’ambito si iscriverebbe mai a un corso di «diZZione», cosa ne dici?

7. Le animazioni in Flash
Ok, non tutti usano le estensioni dei browser per bloccare le pubblicità in flash, ma le nuove generazioni crescono in fretta ed è meglio abituarsi subito a quello che ben presto sarà la norma. Già adesso le pubblicità in flash sono ritenute quelle più «disturbanti» dagli utenti e, di conseguenza, anche quelle da evitare.

8. Le immagini a bassa risoluzione
Non ci sono scuse: il web è pieno zeppo di immagini belle, gratuite e libere da diritti. Usarne una a bassa risoluzione su un banner farà irrimediabilmente scappare chiunque, non trovi?

9. No all’iper-affollamento
La teoria del supermercato vale anche on line: quando gli utenti si trovano davanti a una scelta troppo ampia (10 pacchi di biscotti diversi, così come 10 banner messi in fila) molto probabilmente non sceglieranno niente di quanto proposto.

10. No alla pubblicità obbligata
I banner pop-up, cioè quelli che si ingrandiscono contro la tua volontà e fanno di tutto pur di farsi cliccare, sono i più odiati in assoluto. Tanto peggio se poi insistono a non chiudersi fino a quando i poveri utenti malcapitati non obbediscono ai loro ordini. Ecco, questi banner non attirano utenti interessati ad approfondire un’offerta, aumentano solo la frequenza di rimbalzo e il fastidio degli utenti.

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui social network!

Tag
Pubblicato da: 
Edoardo Vella
ADV Specialist
Ultimi articoli
Cosa devi fare prima di adottare un software di Employee Advocacy
I software per l’Employee Advocacy aiutano la tua azienda a crescere, ma prima di adottarli ci sono alcune azioni indispensabili da mettere in pratica!
Continua a leggere
Cosa si intende per
Privacy by Design
Non solo GDPR, oggi la sicurezza dei dati di navigazione e utilizzo dei device è un tema molto sentito soprattutto dagli utenti. Ecco perché e come proteggere i dati sul tuo sito fin dalla sua progettazione.
Continua a leggere
Local SEO: cos’è e come farla
Local SEO: cos’è? Perché è importante? Avere una presenza solida a livello di risultati di ricerca locali vale solo per determinati tipi di attività? Scoprilo insieme a Marco Lanzillo, SEO Specialist site By site
Continua a leggere
I nostri progetti
I nostri partner

Idee, tecnologia, omnicanalità e cultura: in site By site abbiamo un approccio guidato dalle idee e ispirato dai dati, per creare valore per i brand, step By step.

Via Italo Bordin, 117 b/c
35010 Cadoneghe, Padova

Tel +39 049 629146
Fax +39 049 8877203
Email info@sitebysite.it

Corso Buenos Aires, 43
20124 Milano

Tel +39 02 365 90500

2022 © site By site S.p.A. - C.F./P.IVA 04256460280 - Registro delle Imprese di Padova - R.E.A. 375285 - Capitale sociale 50.000,00 i.v. € Info GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Privacy Policy | Cookies Policy | Preferenze Cookie

crosschevron-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram